logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Comune di Schio

Provincia di Vicenza - Regione Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Settembre  2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
     1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
       

Monumento


Fabbrica Alta

Fabbrica Alta e Lanificio Francesco Rossi

L'antica area industriale Lanerossi si estende a nord-ovest della Città su una superficie di circa 13 ettari all'interno della quale colpiscono l'antico lanificio Francesco Rossi con la facciata volta verso Via Pasubio e la cosidetta Fabbrica Alta. Quest'ultima è un imponente opificio, unito in senso ortogonale rispetto al rappresentativo lanificio Francesco Rossi, di elevato valore monumentale, sociale ed urbanistico nel contesto territoriale della seconda metà dell'Ottocento. Essa è l'emblema del patrimonio industriale Veneto e chiara dimostrazione del primo sviluppo industriale italiano, non a caso l'editore Einaudi la scelse come copertina del volume dedicato al Veneto nella sua collana Storia d'Italia. Le Regioni dall'Unita a oggi. La Fabbrica Alta viene progettata nel 1861 durante il soggiorno a Schio dell’architetto belga Auguste Vivroux secondo il modello multipiano europeo e fu dotata di moderne tecnologie e macchinari. Con il Belgio e soprattutto con la Città di Verviers il committente, Alessandro Rossi, ebbe molti rapporti d’affari e importanti amicizie. L’edificio è lungo 80 m, largo oltre 13 m e conta cinque piani più seminterrato e sottotetto; conta 330 finestre, 52 abbaini e un'alta ciminiera di forma quadrangolare con elegante fastigio. In ogni piano si estendono immensi saloni divisi in tre campate da 125 colonnine di ghisa, ognuno dei quali ospitava una diversa fase della lavorazione della lana. La forza motrice per il funzionamento dei macchinari era prodotta, prima dell’avvento dell’energia elettrica, da una macchina a vapore importata dall’Inghilterra; il materiale usato per la costruzione è principalmente laterizio e pietrame ricavati dal territorio. Si notino le testate delle putrelle di ferro dei solai a forma di piccoli rosoni, il diverso impiego del cotto nel contorno delle finestre, le fasce marcapiano e il motivo romboidale del fregio sottotetto. Tra il 1966 e il 1967 l’edificio è stato dismesso trasferendo il ciclo produttivo nei nuovi capannoni della zona industriale di Schio, mentre rimasero ancora per alcuni decenni le funzioni amministrative della Società. Dal 2013 l’edificio è di proprietà pubblica. ll Lanificio Francesco Rossi fu ricostruito anch'esso per volontà di Alessandro Rossi nel 1849 sulle fondamenta dell’originario opificio del padre Francesco e posizionato all’incirca di fronte all’antico Lanificio Nicolò Tron (di quest’ultimo non rimane testimonianza essendo stato demolito nel 1878). La facciata si presenta oggi con evidenti richiami al neoclassicismo vicentino; il prospetto ha una sequenza di numerose finestre rettangolari graduate in altezza le quali favoriscono lo slancio verticale e suddividono i quattro piani, un tempo adibiti a diverse fasi della lavorazione tessile e, sul finire del Novecento destinati ad uffici amministrativi e direzionali. L’imponente portale d’ingresso ha inciso il nome del fondatore e la data di nascita dell’impresa; sulla facciata sono evidenti dieci bassorilievi posti sui parapetti delle finestre simboli dell’importante attività imprenditoriale della famiglia Rossi, come le pecore merinos, le merci e le navi a vapore. Dominano ancora nel mezzo del palazzo gli elmi alati e il caduceo, attributi di Mercurio, dio del commercio e della prosperità.

Lettera di Alessandro Rossi a Fedele Lampertico (22 aprile 1863)

In nove mesi ho eretta una fabbrica di 80 metri di lunghezza sopra, 13,90 di larghezza con 6 piani oltre il terreno, 125 colonne di ghisa, 330 finestre con tutte le comodità di acqua e di vapore per servizio e riscaldamento col vapore perduto. Ci applicai una macchina a vapore di 50 cavalli, con 2 caldaje sistema tubolare del peso di 28/mK. Questa macchina è congiunta col turbine idraulico d'oltre 50 cavalli, posso lavorare insieme ed alternativamente …
La nuova fabbrica eseguita sullo stile di quelle Belgie ed Inglesi, disegnata da un architetto primario di Verviers che fu qui otto giorni e rimise poscia tutti i piani in grande, può servire di modello per simili costruzioni poco note in Italia. Economia e solidità, luce, spazio, stile industriale unisce un assieme che colpisce propriamente, e non cesserebbe di essere grandiosa anche in Inghilterra. Col fabbricato sulla strada del 1849 si combina con gli stessi piani a livella, e demolita la scalea antica, forma un 7 di magnifica sale per sorveglianza, ordine, nettezza e salute - pompe d'acqua pura da bere, pompe d'acqua pei tessitori a bagnar le trame, tubi universali di vapore per l'inverno, tubi di gaz oltre 600, allineati; in due sale oltre 100 telaj grandi e tutta libera la campata di mezzo. Nel tetto 52 abbaini, una sala di metri 2,90 d'altezza, libera da colonne con 120 donne (lontane è vero da viste profane; ma più vicine al paradiso!) - le finestre tutte in ferro e vetro, fisse con "bascules" per la ventilazione sopra la testa degli operai - le latrine in ogni sala inodore, usufruttato il vecchio vamino a vapore - a ciò tubi di terra cotta come il marmo e vernicciata presi nel Belgio, e botti nere su modello Belgio ...

la Fabbrica Alta su Wikipedia

Video, realizzatato dalla Società ViFX School Of Visual Effects, donato al Comune di Schio dal Rotary Club Schio-Thiene. 

Galleria fotografica


Created with Admarket's flickrSLiDR.

Torna all'elenco dei monumenti


Note:

CC0 Con le delibere della giunta comunale n. 230/2012 del 31/07/2012 e n. 249/2013 del 03/09/2013, il Comune di Schio ha rilasciato i diritti sulle immagini dei monumenti di sua proprietà in Creative Commons 0 - nessun diritto d'autore.


Via Pasini, 33 - 36015 (VI); telefono 0445-691.111
Partita I.v.a. 00402150247
info@comune.schio.vi.it
Indirizzo PEC: schio.vi@cert.ip-veneto.net ; Foto del banner da sin a dx: Archivio Marzari, Giacom Piovan, Dario Strozzo, Dario Strozzo