logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Comune di Schio

Provincia di Vicenza - Regione Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Dicembre  2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31       

Chiesa


Duomo di San Pietro

Il Duomo di San Pietro, così come appare oggi, è l’ultima di molte ricostruzioni che ebbero inizio da una cappella medioevale dedicata a san Pietro esistente sul colle Gorzone. Dipendente dall’antica Pieve di Pievebelvicino, chiesa madre di tutte le altre della Val Leogra, a partire dal XII sec. l'arciprete trasferì qui la sua residenza e da allora diventò la principale chiesa della vallata. La chiesa attuale, che si raggiunge tramite una scenografica scalinata, costruita nel 1837 da Tommaso Meduna, è preceduta dal classico prònao, con i due piccoli campanili, costruito tra il 1805 e il 1820 da Carlo Barrera, su progetto di Antonio Diedo, che si ispirò al tempietto di Maser del Palladio. La navata centrale, eretta tra il 1740 e il 1754 da Giovanni Battista Miazzi, fu ampliata nel 1780 con il coro, disegnato da Domenico Cerato di Padova. Nel XIX secolo lo sviluppo industriale e l'incremento demografico, legati all'industrializzazione e favoriti da Alessandro Rossi, videro, tra il 1877 e il 1879, la costruzione della canonica e l'ampliamento della chiesa con le due navate.

Mentre gli altari sono di fattura settecentesca, la decorazione interna è opera di vari artisti attivi tra XIX e XX sec., tra cui lo sloveno Valentino Zajec (per i bassorilievi dell’attico della navata e le statue degli apostoli e degli evangelisti), Giovanni Busato (stereocromie del presbiterio e la pala dei ss. Carlo e Luigi), Valentino Pupin (per la volta e la pala di s. Giuseppe), Romano e Guido Cremasco, per le immagini degli altari, Tito Chini (abside e vele delle finestre) e Alfredo Ortelli (Gesù maestro). Nella chiesa e in sacrestia si trovano preziose tele di varie epoche ed autori: da Alessandro Maganza a Tomaso Pasquotti. La chiesa ha due organi: un Mascioni del 1942 e uno di scuola pugliese del XVIII sec. A destra della chiesa, preceduta dal bel giardino pensile, è la canonica, caratterizzata dall'orologio pubblico sulla facciata. Al suo interno sono conservati dipinti di varie epoche e autori. L'edificio ospita all'ultimo piano l'Archivio e Biblioteca del Duomo.

Video realizzato dalla Società ViFX School Of Visual Effects, donato al Comune di Schio dal Rotary Club Schio-Thiene 


Via Pasini, 33 - 36015 (VI); telefono 0445-691.111
Partita I.v.a. 00402150247
info@comune.schio.vi.it
Indirizzo PEC: schio.vi@cert.ip-veneto.net ; Foto del banner da sin a dx: Archivio Marzari, Giacom Piovan, Dario Strozzo, Dario Strozzo