logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Comune di Schio

Provincia di Vicenza - Regione Veneto


Contenuto

News

La grande partita della connettività internet estesa a tutto il territorio: un progetto che step by step, avanza


Quando si affrontano argomenti complessi su progetti che abbracciano il territorio nel suo insieme, comportano lavori da programmarsi a stralci, coinvolgono altri soggetti pubblici e privati e devono confrontarsi con importanti scelte economiche è d'obbligo non fermarsi alla loro trattazione superficiale. “È questo il caso anche del tema che riguarda l'estensione della connettività internet sul territorio comunale” afferma il sindaco Valter Orsi introducendo l'argomento “su cui molti si improvvisano sapienti senza averne prima approfondito i dettagli e contestualizzato gli interventi.”

Proprio in questi giorni, la Giunta Comunale ha deliberato di approvare l'accordo per la concessione alla Società Open Fiber S.p.Adell'utilizzo di canalizzazioni per l'illuminazione pubblica, della rete cablata comunale e degli impianti semaforici poste nel sottosuolo di proprietà del Comune di Schio. Questo, al fine di portare, attraverso quelle strutture, la fibra fino alle singole unità immobiliari, attivando contemporaneamente una rete a banda ultra larga (B.U.L.) a disposizione degli operatori di telecomunicazioni. Il vantaggio del riutilizzo delle infrastrutture esistenti è evidente: riduzione al minimo dell'impatto dei lavori necessari sulle sedi stradali.

 “Questa tecnologia è la migliore disponibile in questo momento” continua Orsi “e l'Amministrazione crede che in base al principio di sussidiarietà, sia compito dell'Ente pubblico promuovere l'infrastrutturazione di rete per consentire a cittadini, imprese e altre istituzioni di implementare le innovazioni che l'Innovation Tecnology consente di sviluppare, offrendo servizi con velocità molto superiori a quelle oggi in uso”.

 Segue la stesa logica il progetto di cablatura in fibra della Zona Industriale, che sarà realizzato da Pasubio Tecnologia. Il Comune attraverso un proprio bando finalizzato a stimolare la competitività della zona industriale, ha offerto agli operatori di telecomunicazioni la possibilità di compartecipare all'investimento. Il Comune investirà per quest'opera 200.000,00 euro e l'operatore che ha fatto la migliore offerta si farà carico del 61% della spesa. Il contratto sarà firmato entro la fine di novembre e da lì, meteo permettendo, partiranno i lavori.

Un altro tassello dello stesso quadro, è la recente consegna dell'impianto potenziato a Monte Magrè, un ponte radio già esistente con un operatore. Esso riceverà il segnale da Pasubio Tecnologia garantendo almeno 30 mega di potenza.

A completare il tutto, arriverà la copertura internet del Tretto, i cui lavori partiranno, in perfetta aderenza alle previsioni, tra la fine del 2019 e l'inizio del 2020. A Santorso, punto di partenza dell'intervento, sono addirittura già iniziati. Questa parte di territorio, classificata “bianca” ovvero “a fallimento di mercato” sarà a carico della stessa Open Fiber che in questa situazione opera però per conto del Ministero dello Sviluppo Economico e con i fondi statali. È evidente che in questo caso al Comune non è dato di intervenire se non per ragioni di controllo, né potrebbe investire ulteriormente in un'area già oggetto di interesse dello Stato.

Nel dettaglio, la linea transiterà attraverso l'infrastruttura ENEL di media tensione (parte in rete aerea e parte interrata) partendo appunto da Santorso Timonchio e toccando le contrade Gonzati, Cà Vecchia, Dalla Guarda, Marzarotti, Gerte, Casalini, Dalla Vecchia, tutte in area S. Rocco. Altra rete passerà per Contrà Progresso, Canova, Costalunga, Masetto, Pornaro, Pinzele, Rotolon, Pozzani di sotto, S. Ulderico, Contrà Nogare di sopra , Bosco, Greselini, Cerbaro, Rossi, Santa Caterina e contrà Marsili.

I Sindaci non fanno miracoli, ma fanno del loro meglio e assicuro che anche in questa occasione stiamo facendo un ottimo lavoro” conclude Orsi . “In tutti i casi va ricordato che il Comune porta infrastrutture direttamente o indirettamente, ma non è tra i suoi compiti occuparsi di servizi di telecomunicazione, appannaggio degli operatori espressamente dedicati a ciò.
Un'altra cosa che va ricordata è che per ogni fornitura che il Comune affida, in questo come in altri settori di intervento, vengono richiesti dei prerequisiti e il rispetto di specifiche tecniche/parametri di alta qualità le cui verifiche richiedono forse un po' di tempo in più in fase preliminare ma che poi danno risultati più affidabili e che garantiscono una maggiore efficienza”.


Data ultimo aggiornamento: 20/11/2019
Via Pasini, 33 - 36015 (VI); telefono 0445-691.111
Partita I.v.a. 00402150247
info@comune.schio.vi.it
Indirizzo PEC: schio.vi@cert.ip-veneto.net ; Foto del banner da sin a dx: Archivio Marzari, Giacom Piovan, Dario Strozzo, Dario Strozzo