logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Comune di Schio

Provincia di Vicenza - Regione Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Giugno  2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30      
       

News

Area ex Lanerossi in zona industriale: inizia a prendere forma la visione di un parco industriale innovativo


 

 

La Società proprietaria dell’area ex Lanerossi nella Zona industriale di Schio, ha depositato la proposta definitiva di PUA per il recupero di questa importante porzione di territorio.

Si tratta di un corpus di documenti molto ricco e dettagliato che include, oltre a una completa raccolta di planimetrie ed elaborati tecnici e una rassegna di norme tecniche e operative, anche uno schema di convenzione da sottoscrivere con l’Amministrazione Comunale, per la gestione dell’area stessa.

Inizia così l’iter di un percorso strategico che vedrà il Comune approfondire nel dettaglio la proposta, che comunque già a un primo sguardo e diversamente da quanto era accaduto in precedenza, mostra la volontà di allineare il più possibile le aspettative di interesse pubblico con quelle private della società proprietaria.

Il PUA depositato tiene infatti conto della vocazione imprenditoriale del territorio e fa riferimento a quanto di più innovativo vada oggi tenuto in considerazione, in una prospettiva di efficienza e ottimizzazione delle risorse, anche nel rispetto delle nuove norme di sostenibilità ambientale e risparmio energetico.


 
 

Stiamo parlando di un’area di oltre 300 mila metri quadrati, l’ultimo spazio disponibile nella zona industriale di Schio che risulta per il resto completa e chiusa a ulteriori espansioni. È dunque questa una carta da giocare con grande oculatezza, in grado di dare risposte alla città e costituire nel contempo occasione di riqualificazione e connessione con la vita della città stessa.

110 mila sono i mq di edificato, soggetti, nella proposta a recupero in cinque stralci successivi e con la realizzazione di moduli accorpabili, destinati a dare risposta alle esigenze dimensionali che gli imprenditori interessati esprimeranno.

Qualche altro numero: 27mila mq di viabilità interna; 16mila mq di parcheggi; 36mila mq di marciapiedi; 5 km di piste ciclabili.

Infine, ma non di minor importanza, c’è la quota destinata al verde pubblico: 68mila mq oltre ad altri inserti di verde nelle aiuole e nei passaggi interni per 252 mq, un blocco che andrà a costituire il polmone verde più esteso di Schio.

L’eredità che quest’area si porta appresso è grande. E il momento storico è tale da poterne mettere a frutto le migliori potenzialità, in un orizzonte di evoluzione nel senso più pieno del termine.

Vien da sé che, anche in ottemperanza alle nuove norme, l’area dovrà avere una dotazione adeguata di fibra ottica, di sistemi di produzione di energia rinnovabile, di aree di ricarica per auto e bici elettriche, di stalli attrezzati per la sosta dei TIR.

Riguardo alla viabilità interna, è prevista anche una nuova rotonda su via L. Dalla Via, che garantirà una terza via di accesso a quello che può già essere definito il “Parco Industriale”.

Saranno anche possibili alcuni insediamenti commerciali che necessitino di spazi estesi di vendita: non si parla di ipermercati bensì di show room per l’esposizione di prodotti e attrezzature di grandi dimensioni.

I prossimi passaggi saranno l’adozione del PUA da parte della Giunta, nonché le valutazioni previste dalla legge (VIA e VAS che coinvolgono la Provincia e la Regione) e infine le osservazioni dei cittadini che potranno avanzare proposte e modifiche: una grande occasione di partecipazione alle scelte importanti della città. Solo al termine di questo percorso il PUA potrà essere definitivamente approvato, in un tempo che si stima non inferiore all’anno, per poi iniziare il suo corso di attuazione.

Esprime trepidazione e ottimismo il sindaco Valter Orsi, che vede in questa nascente operazione un segnale positivo per il futuro della città: “Al di là del periodo difficile da cui ci apprestiamo a uscire, guardo a questa nuova sfida con forte fiducia” spiega il primo cittadino “Ci sono infatti già da tempo richieste di imprenditori che chiedono di ampliare le proprie attività e ciò è segno di un’economia sana. Ma soprattutto, pare finalmente che tutti gli attori in gioco abbiano compreso che l’obiettivo a cui tendere è una scelta condivisa, per il bene e nell’interesse di tutti. Quella dell’area ex Lanerossi è una “cosa grossa”, fuori scala, in proporzione all’urbanistica locale, proprio come due secoli fa apparve la Fabbrica Alta, nelle sua inusuale imponenza. Ma come quel mastodontico edificio rappresentò allora un volano di benessere e crescita per l’intera Schio, confido che questa enorme area che ora è un gigante addormentato, possa vedere presto un suo onorevole risveglio”.

 

 


Data ultimo aggiornamento: 21/05/2020
Via Pasini, 33 - 36015 (VI); telefono 0445-691.111
Partita I.v.a. 00402150247
info@comune.schio.vi.it
Indirizzo PEC: schio.vi@cert.ip-veneto.net ; Foto del banner da sin a dx: Archivio Marzari, Giacom Piovan, Dario Strozzo, Dario Strozzo