logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Comune di Schio

Provincia di Vicenza - Regione Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Novembre  2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
   1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30    
       

Cosa fare (e non fare) in caso di RISCHIO IDRAULICO (pericolo allagamenti)

Quando piove molto e a lungo, è possibile lo straripamento dei corsi d’acqua
o la rottura dei loro argini.

 COSA DEVO FARE?

Stato di Preallarme

• mi tengo informato sulle previsioni meteo (televisione, radio, bollettino ARPAV)
senza espormi a pericoli, metto al sicuro beni e animali situati nelle zone dell’abitazione a rischio allagamento: taverna, cantina o piano terra

Stato di Allarme

• mi tengo informato sulle notizie diffuse dal Comune
evito di soggiornare e dormire nei seminterrati e valuto il percorso prima di spostarmi nelle zone allagabili
• senza espormi a pericoli: proteggo con paratie o sacchi di sabbia i locali situati al piano strada;
chiudo le porte di cantine, seminterrati o garage, metto al sicuro beni e animali situati nelle zone dell’abitazione a rischio allagamento: taverna, cantina o piano terra
• condivido quello che so sullo stato di allerta e i comportamenti da tenere
• se ho figli in età scolare, verifico che la scuola sia informata dell’allerta in corso e sia pronta ad attivare il piano di emergenza
• metto in sicurezza gli animali domestici

...........................................................

Se l’abitazione è allagata
chiudo acqua, gas e soprattutto energia elettrica per evitare pericolosi incidenti
• controllo il panico, mi rifugio ai piani superiori, avviso il Comune e attendo i soccorsi, senza richiedere o azionare pompe di svuotamento finché l’evento non è passato

...........................................................

Per gli spostamenti
• evito di usare l’auto. Anche pochi centimetri d’acqua potrebbero far perdere il controllo del veicolo o causarne lo spegnimento: rischierei di rimanere intrappolato
• all’aperto, evito i sottopassi, gli argini, i ponti, i terrapieni, le strade con forte pendenza e in generale tutte le zone più basse rispetto al territorio circostante perché con la forza dell’acqua potrebbero crollare
• evito le strade allagate: potrebbero esserci voragini, buche, tombini aperti o cavi elettrici tranciati. Inoltre, l’acqua potrebbe essere inquinata da carburanti o altre sostanze

...........................................................

Se c’è l’ordinanza di evacuazione della casa
• mi attengo scrupolosamente alle istruzioni dei soccorritori e vado nelle sedi indicate. Se è possibile mi faccio ospitare da amici o parenti lontani dalla zona di emergenza e ne informo il Comune, portando con me abbigliamento, medicinali e quanto mi serve

...........................................................

Quando rientro in casa dopo l’alluvione
• faccio attenzione al fondo stradale che potrebbe cedere
• verifico se posso riattivare il gas, l’impianto elettrico e i sistemi di scarico
• se necessario, chiedo il parere di un tecnico
• mi assicuro che si possa bere l’acqua del rubinetto ed evito di consumare cibi che siano stati a contatto con l’acqua dell’alluvione
• quantifico i danni e mi informo se in Comune sia stata avviata una procedura per il rimborso

 

Via Pasini, 33 - 36015 (VI); telefono 0445-691.111
Partita I.v.a. 00402150247
info@comune.schio.vi.it
Indirizzo PEC: schio.vi@cert.ip-veneto.net ; Foto del banner da sin a dx: Archivio Marzari, Giacom Piovan, Dario Strozzo, Dario Strozzo