logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Comune di Schio

Provincia di Vicenza - Regione Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Agosto  2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31       

News

Richiesto lo stato di crisi per calamità per il maltempo del 21 luglio


Il Comune di Schio ha inoltrato la richiesta per il riconoscimento dello stato di crisi per calamità naturale a causa del maltempo che si è verificato nel territorio comunale nel tardo pomeriggio di martedì 21 luglio. L'Amministrazione ha deciso di rivolgersi alla Regione affinché venga riconosciuta l'eccezionalità dell'evento atmosferico che con un temporale violento, pioggia fittissima, vento e una fortissima grandinata ha arrecato ingenti danni al patrimonio pubblico e privato. L'appello alla Regione è per lo stanziamento di fondi per ripristinare quanto danneggiato nell'area comunale. Se verrà concesso lo stato di crisi per calamità naturale anche i privati cittadini potranno ricevere un risarcimento per i danni subiti.

«In 40 minuti sono caduti dai 34 ai 50 millimetri di pioggia provocando allagamenti, smottamenti e grosse infiltrazioni d'acqua - dice il Sindaco Valter Orsi -. Tra danneggiamenti alle coperture degli edifici, schianti di alberature, allagamenti di strutture e dissesti idrogeologici la stima dei danni è di circa un milione di euro per quanto riguarda il solo patrimonio pubblico. Si tratta, in realtà, di una prima stima approssimativa in quanto in queste ore sono ancora in corso le opportune verifiche. Per i danni subiti dai privati, invece, continuano ad arrivare segnalazioni e al momento non ci è possibile fornire dei numeri precisi».

Tra le zone più colpite dal maltempo e dove il patrimonio pubblico è stato maggiormente danneggiato risultano via S.G. Bosco, via Riva di Magrè, via XXIX Aprile, via Tito Livio, via dell'Artigianato, via Boito, via Cima Alta, via Tommaseo, Giavenale di Sotto, via Maso Dalla Vecchia, il Piazzale Pubblici Spettacoli, via Corre, via SS. Trinità, via Proe di Sotto, via Elia Dalla Costa, Palazzo Garbin, l'ex scuola di via Marconi, ma anche i plessi dell'Istituto Comprensivo Battistella, le scuole dell'infanzia di Ca' Trenta e SS. Trinità e la primaria Don Milani.

«Martedì le squadre di Protezione Civile e dei Vigili del Fuoco sono intervenute prontamente per ripristinare i luoghi allagati e le zone più colpite - prosegue Orsi - Come Amministrazione abbiamo deciso di attivarci subito, dopo una prima ricognizione, chiedendo alla Regione il riconoscimento dello stato di cristi per calamità naturale. Se riceveremo risposta positiva dalla Regione informeremo immediatamente la cittadinanza sulla proceduta da seguire per ottenere un risarcimento».


Data ultimo aggiornamento: 27/07/2020
Via Pasini, 33 - 36015 (VI); telefono 0445-691.111
Partita I.v.a. 00402150247
info@comune.schio.vi.it
Indirizzo PEC: schio.vi@cert.ip-veneto.net ; Foto del banner da sin a dx: Archivio Marzari, Giacom Piovan, Dario Strozzo, Dario Strozzo