logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Comune di Schio

Provincia di Vicenza - Regione Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Ottobre  2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31    
       

News

Interesse e dialogo aperto per l'ipotesi di realizzazione di un nuovo casello Schio-Marano sulla A31 Valdastico Nord


Accolta dal generale consenso dei numerosi portatori di interessi presenti, è stata presentata il 3 settembre, nella sede di Confindustria Altovicentino a Schio, l'idea per un progetto di realizzazione di un nuovo casello autostradale sull'Autostrada A31 Nord, in un'area tra Marano Zanè e Schio.
Si tratta di una riflessione scaturita dalla diffusione dello studio: "MuoViVicenza - Connettere le imprese, avvicinare le persone" che Confindustria Vicenza ha realizzato sul fabbisogno viario della Provincia, che ha evidenziato una trentina di punti di interesse, tra cui questo.
"Volentieri ci facciamo portavoce di istanze importanti per l'intero territorio provinciale" ha dichiarato Pietro Sottoriva, presidente di Confindustria Altovicentino che ha portato i saluti del Presidente di Confindustria Vicenza, Gaetano Marangoni e ha aggiunto: "Siamo dunque qui oggi per condividere un'idea e vedere se raccoglie il sostegno necessario per diventare un progetto realizzabile".

Il sindaco di Schio Valter Orsi si è mostrato soddisfatto della partecipazione che l'invito ha raccolto, precisando che nessuno ha intenzione di fare i conti senza l'oste (nella fattispecie, la società Autostrade BresciaPadova) peraltro informalmente rappresentato da Costantino Toniolo, membro del Cda della società stessa che ha speso la propria disponibilità per inserire quanto prima l'opera nel prossimo piano finanziario.
Presenti diversi sindaci e loro delegati (Thiene, Marano Vicentino, Zanè, Santorso, Piovene Rocchette, Torrebelvicino) e rappresentanti delle associazioni di categoria (oltre a Confindustria, Apindustria, CNA, Confartigianato, Ascom, Coldiretti).

I problemi di viabilità sono noti: un volume significativo di traffico congestiona costantemente l'area thienese in prossimità del casello autostradale.
L'ing. Gianmaria De Stavola, (già progettista sia della bretella che collega le zone industriali di Thiene e Schio (via dell’Autostrada) sia della futura bretella che a Thiene dovrebbe collegare la Pedemontana col casello autostradale) autore dello studio, ha illustrato l'ipotesi presa in esame, che con una nuova immissione lungo la A31, vicina alle cave Vaccari di Marano, darebbe respiro all'imbuto che si produce al casello di Thiene, oltre a offrire un efficiente collegamento autostradale a servizio di abitanti e aziende nell'area Schio -Valdagno.

Il costo dell'intervento, a carico per la maggior parte della società autostrade, e di comuni e provincia per le infrastrutture minori, si aggira sui 20 milioni di euro.
La richiesta di considerare con attenzione e cura nella sua complessità, ogni progetto futuribile, rispetto alle diverse esigenze degli attori dell'area, è stata espressa dalle voci dei rappresentanti di Coldiretti. Questi si sono infatti detti preoccupati che nuove opere viarie possano compromettere risorse naturali (suolo, acqua) di zone già fortemente cementificate, in cui le attività agricole svolgono le proprie attività, per la cui promozione sono in atto importanti investimenti.
Il sindaco Orsi, supportato dai dati espressi dai tecnici  e manifestando la volontà di contemperare gli interessi di tutti, ha garantito la disponibilità per un dialogo e un confronto costanti sul tema in questione e ogni aspetto collegato. Si tratterebbe infatti dell'innesto di uno svincolo che va soprattutto a servizio della viabilità locale, più che di un vero e proprio casello visto nella prospettiva di un eventuale prolungamento a nord della A31 e quindi di un impatto ambientale contenuto. Sono inoltre sul piatto, contestualmente a queste riflessioni, una serie di iniziative "compensative" in ottica ottimizzazione dei siti produttivi e di rigenerazione e recupero di aree verdi. Un esempio per tutti, la cosiddetta "variante verde" ovvero la possibilità di conversione di aree edificabili, a verde, che nel comune di Schio ha consentito in pochi anni il recupero di 2 ettari di terreni.

Allegati

Data ultimo aggiornamento: 04/09/2019
Via Pasini, 33 - 36015 (VI); telefono 0445-691.111
Partita I.v.a. 00402150247
info@comune.schio.vi.it
Indirizzo PEC: schio.vi@cert.ip-veneto.net ; Foto del banner da sin a dx: Archivio Marzari, Giacom Piovan, Dario Strozzo, Dario Strozzo